Ecosistema

La microfauna legata direttamente alla vite coesiste con una macrofauna legata indirettamente ad esso: numerose lepri trovano riparo e nutrimento tra i filari, i caprioli abitano i boschi ripariali circostanti i vigneti. Picchi verdi, upupe, gazze, fagiani, rigogoli, poiane, gheppi, nibbi, barbagianni, civette e il raro biancone osservano dall'alto i filari.

La flora spontanea è ricca sia tra i filari che ai margini dei campi, dando sfoggio, soprattutto in primavera ad ampie fioriture di margherite, soffioni, anemoni, euforbia e molte altre, alcune delle quali interessanti sotto il profilo alimentare, le cosiddette erbe spontanee come la camomilla, la cicoria, il tarassaco, la borragine, la malva, il finocchio selvatico, la melissa, la pimpinella e molte altre.

C'è poi una fitta schiera di invertebrati alcuni parassiti della pianta stessa, altri attirati dalle sostanze zuccherine, altri legati alle piante spontanee.
Il reticolo di siepi, fossati, macchie boschive e filari inerbiti, consente di creare un riparo per gli animali e per gli insetti predatori che possono così svolgere l'importante ruolo di contenimento nei riguardi dei fitofagi e parassiti, rendendo possibile il completo abbandono della chimica come previsto dalle direttive europee per la produzione biologica.

SOSTENIBILITA'

Biologico

Ecosistema

Regolamenti